inwit

INWIT: nell’esercizio 2016 ricavi per 333,5 mln di euro

inwit Il Consiglio di Amministrazione di Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. ha esaminato e approvato il resoconto di gestione al 31 dicembre 2016, i cui principali risultati operativi sono stati comunicati al mercato il 31 gennaio 2017.
I risultati relativi all’esercizio 2016 confermano il trend di progressivo aumento dei ricavi derivato da un ulteriore incremento del rapporto di co-tenancy che ha raggiunto un valore pari a 1,72x, grazie alla sottoscrizione di oltre 1300 nuovi contratti nell’arco dell’anno.
I ricavi al 31 dicembre 2016 ammontano a 333,5 milioni di euro, in crescita del 4,6% rispetto al dato proforma dello scorso anno, di cui 253 milioni di euro derivanti del contratto di servizio verso TIM, il Master Service Agreement; 78,2 milioni di euro da altri clienti, tra cui i principali gestori mobili italiani e altri operatori di reti radio; 2,3 milioni di euro per contratti con TIM ed altri operatori relativi ai siti di nuova realizzazione.
L’EBITDA è pari a 163,6 milioni di euro, con un margine sui ricavi del 49,1% che riflette sia l’incremento dei tenant presenti sul parco siti che la crescente redditività derivata principalmente dal contenimento dei costi di locazione passiva di oltre 9 milioni di euro annui.
La crescita dell’EBITDA 2016 rispetto al dato proforma del 2015 è di circa 19,3 milioni di euro, pari al 13,4%, e si dimostra in linea rispetto alle previsioni di crescita comunicate al mercato.
L’EBIT si attesta a 147,3 milioni di euro, in crescita del 15,6% rispetto al dato proforma del 2015. Gli ammortamenti e svalutazioni ammontano a 16,4 milioni di euro e includono, oltre agli ammortamenti ordinari per 13,6 milioni di euro, minusvalenze realizzate a seguito dello smantellamento di siti per 2,8 milioni di euro.
Nel corso dell’anno l’Azienda ha effettuato investimenti pari a 43,6 milioni di euro, in crescita di oltre 30 milioni rispetto al 2015, con l’obiettivo di cogliere le opportunità di crescita e di diversificazione del business, costruendo nuovi siti, acquisendo tre piccoli operatori di torri e lanciando un importante piano per la costruzione di micro-coperture nei luoghi a maggior intensità di clienti e traffico e di soluzioni di backhauling per connettere i propri siti ad alta velocità. L’Utile Netto si attesta a euro 97,9 milioni, in crescita del 16,7% rispetto al dato proforma del 2015.

Share Button
Print Friendly