Euler Hermes e Toucan Toco presentano Mind Your Receivables

Print Friendly, PDF & Email

Euler Herme presenta in Italia «Mind Your Receivables», la piattaforma web sviluppata in partnership con Toucan Toco e creata con l’obiettivo di supportare le imprese nella scelta dei clienti e dei mercati attraverso l’analisi puntuale dei comportamenti di pagamento. Con questa prima assoluta nel mercato domestico, Euler Hermes dimostra la volontà di mettere a disposizione del mercato i suoi dati proprietari in modalità gratuita e divulgativa, con l’obiettivo di “fare cultura” nelle attività connesse alla gestione del rischio di credito.
Luca Burrafato, Capo della Regione MMEA di Euler Hermes, dichiara: “Il lancio di Mind Your Receivables è una nuova tappa nel percorso di trasformazione digitale di Euler Hermes, che testimonia la volontà di diventare l’assicuratore B2B più innovativo sul mercato. In qualità di leader dell’assicurazione crediti, abbiamo l’obbligo di trovare nuove soluzioni tecnologiche per favorire lo sviluppo dei nostri servizi alle PMI: la piattaforma sviluppata con Toucan Toco è il perfetto esempio di come le digital solution possano migliorare la fruibilità dei contenuti macroeconomici utili ad indirizzare le politiche imprenditoriali”.
Mind Your Receivables offre alle imprese esportatrici italiane ed estere una visione dinamica dei dati relativi ai comportamenti di pagamento, quali i giorni di incasso di un credito, i ritardi nei pagamenti, i mancati pagamenti e, infine, le insolvenze aziendali. La piattaforma, contenente una banca dati di oltre 40 milioni di imprese, in 43 nazioni e 20 settori merceologici, permette un percorso interattivo tra paesi, industrie e settori in diversi periodi.
“La mission di Toucan Toco è trasformare i dati in informazioni semplici, grazie a software per il reporting e la data visualization che democratizzano l’accesso ai dati e offrono potere decisionale anche ai non esperti”, spiega Sophie Miglietti, Business Developer & Country Opener in Italia di Toucan Toco. “Con questo obiettivo in mente, abbiamo lavorato insieme a Euler Hermes per sviluppare la piattaforma Mind Your Receivables: un’applicazione accessibile a tutti e ovunque, che dà la possibilità di visualizzare in modo intuitivo informazioni e previsioni, che le imprese possono consultare facilmente e senza le difficoltà che normalmente si incontrano all’interno di complicati fogli di calcolo e dati grezzi. La piattaforma valorizza l’expertise di Euler Hermes nella valutazione del rischio di credito, e instaura una relazione di trasparenza con l’intero tessuto imprenditoriale, adesso meglio informato.”
A pochi mesi dal lancio della piattaforma in Francia, Mind Your Receivables si appresta a divenire un importante tool sui trend dei pagamenti anche per le imprese italiane. Jordan Foglieni, Amministratore Delegato IMT Italia, commenta: “L’inesorabile processo di digitalizzazione ha certamente investito anche il settore dell’alluminio, ovvero quello della fornitura di materie prime all’industria di trasformazione. Questo processo conduce ad una disponibilità di informazioni in tempi assai ridotti ma necessita del giusto grado di ponderazione in tema di affidabilità delle stesse. Piattaforme come quella creata da Euler Hermes e Toucan Toco garantiscono pertanto un orientamento alle scelte di penetrazione di nuovi mercati e alla gestione dei mercati già frequentati attraverso l’analisi di dati storici che consentono al contempo proiezioni future.”
Massimo Reale, Direttore Commerciale Euler Hermes Italia, aggiunge: “Il calo dei fallimenti prosegue dal 2015 ma dovrebbe fermarsi il prossimo anno, nonostante la graduale e continua diminuzione dei tempi effettivi di pagamento tra le imprese: 82 giorni attesi nel 2018, dopo i livelli record di 94 giorni registrati nel 2013. I crediti in sofferenza sono in diminuzione ma l’attuale volatilità dello spread, se prolungata, si può ripercuotere in particolare sui bilanci delle banche con conseguenze sull’erogazione del credito all’economia reale. Il fatturato delle imprese si mantiene comunque ancora positivo, in particolare nei settori tradizionali, nell’industria di trasformazione, lavorazione materie prime e servizi; moderatamente positivo il trend anche per i primi mesi del 2019, grazie all’effetto trascinamento delle riforme introdotte negli scorsi anni. Ciò contribuisce a sostenere l’occupazione ma meno i consumi, per i quali prevediamo un generale rallentamento causato dal contesto di instabilità.”

Share Button